ARRIVANO I PROF, Recensione di Massimo Arciresi

Massimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere.

Arrivano i prof (Italia, 2018) di Ivan Silvestrini con Claudio Bisio, Lino Guanciale, Maurizio Nichetti, Rocco Hunt, Maria Di Biase, Shalana Santana

Ispirata, come Il nome del figlio, I babysitter, Mamma o papa?, Poveri ma ricchi, a un film francese – inedito da noi ma “graficamente” copiato (cercatevi la locandina in rete) – e girata dall’inarrestabile Silvestrini (tre regie in un anno, dopo 2night e Monolith), quest’indecisa commedia oscilla paurosamente tra la comicità demenziale da spoof o cartoon, quella soltanto sopra le righe e quella giovanil-televisiva, di per sé inconciliabili a meno di non essere autori assai navigati (però qui si prova perfino a inserire riflessioni “serie”). Un liceo “vanta” una bassissima percentuale di promossi; il provveditore (un unto Francesco Procopio) minaccia il preside (Andrea Pennacchi) di chiuderlo se nell’anno in corso non si migliora, e al contempo propone un’assurda soluzione: assumere pessimi insegnanti per riproporzionare i risultati. Sorvolando sull’evoluzione della trama, lo script toppa soprattutto nel tratteggio “educato” degli allievi, non favorito dal casting (Irene Vetere e il rapper Rocco Hunt – il suo numero musicale è posticcio – decisamente non bucano lo schermo; meglio la fresca ma appartata Veronica Bitto). Rimangono gli altri attori: i “magnifici” sette professori (Bisio, Guanciale, il piacevolmente ritrovato Nichetti, Di Biase, Santana, più Pietro Ragusa e Alessio Sakara, con l’aggiunta della graziosa Giusy Buscemi) sono scelti (e presentati) bene; il vicepreside Christian Ginepro addirittura si distingue.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente SUBITO DOPO IL BUIO, Estratto da "Prima che sia primavera"

Lascia un commento

*