CHE COLORE HA IL DOLORE? Estratto da “Sotto il cielo di Santiago”

tavolozza_di_colori– FOTO PRELEVATA DAL WEB –

Oggi voglio condividere con voi questo breve estratto da “Sotto il cielo di Santiago”. Un passaggio in cui la protagonista trova finalmente il suo personalissimo modo di liberare ed elaborare il dolore.

Non voleva più precipitare nel buco nero. E, allora, ricordò le parole di Raúl quando le aveva parlato della “grande paura” e di quando, ogni tanto, ritornava. Si metteva a lavorare il legno, perché sentiva che gli faceva bene. E, poi, le venne in mente Isabel e il quadro dallo sfondo nero che le aveva mostrato. Aveva detto che guardare la sua paura l’aveva aiutata a superarla… Dipingere quel quadro l’aveva aiutata a tornare alla vita. E allora comprese, come un’improvvisa rivelazione, che in tutti quegli anni aveva smesso di dipingere perché le cose che avrebbe voluto ritrarre non le parlavano più, ma non aveva ascoltato la cosa che le urlava forte e potente nel petto, come un leone inferocito… Il suo dolore.

E il non averlo voluto ascoltare, il non aver voluto farlo parlare attraverso le sue mani, il suo lavoro, le sue tele, probabilmente, l’aveva reso più intollerabile.

Perciò, come una furia, tolse dal cavalletto il quadro che stava dipingendo e lo appoggiò a una parete. Poi, prese un’altra tela e cominciò a guardare nella sua cassettina i tubetti dei colori scuri… Terra di Cassel, terra d’ombra bruciata, grigio di Payne, nero d’avorio, nero di Marte… Li aveva usati così poco.

Che colore aveva il dolore? Qual era il colore predominante nella sua anima adesso? Gli occhi le si posarono sul blu oltremare scuro… Accarezzò con lo sguardo quel tubetto, come se volesse farselo amico, poi lo prese delicatamente fra le mani. Pensò a tutto il tempo che ci aveva messo per capire, ma forse era così che doveva andare. Cinque anni prima era troppo fragile per affrontare il dolore e raccontarlo. Tutto quel tempo, tutta quella pazienza, tutte quelle lotte con se stessa… Niente era stato inutile. Veramente adesso era più forte.

Per acquistare il libro:

http://www.thegenesispublishing.com/sottoilcielosantiago

https://www.amazon.it/dp/B01NBJLQOC?tag=genesipublis-21&camp=3458&creative=23838&linkCode=as1&creativeASIN=B01NBJLQOC&adid=0MKEVQ36NTNTCDSB8NY1&

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

©Copyright 2017 by Rita Massaro – All Rights Reserved

Home, Romanzi, Senza categoria , , , , , , ,

Informazioni su ilgirodelmondoconunlibro

Mi chiamo Rita Massaro. Sono una persona curiosa. Mi piace scoprire gli innumerevoli volti del mondo e le infinite possibilità della vita. Per questo leggo e viaggio. Ogni tanto le mie perlustrazioni scatenano la mia immaginazione. E scrivo. Ho pubblicato nel 2011, con la Casa Editrice Absolutely Free, il mio primo libro, un romanzo di formazione dal titolo “L’estate è finita”. Nel dicembre 2016 è stato pubblicato il mio secondo romanzo, “Sotto il cielo di Santiago”, con la Casa Editrice Genesis Publishing. Nel 2018 “Prima che sia primavera” con Il Seme Bianco.
Potete contattarmi su Facebook al seguente link: https://www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente PAROLA DI DIO, Recensione di Massimo Arciresi Successivo FALLEN, Recensione di Massimo Arciresi