D’AMORE E OMBRA, Consigli di lettura

– FOTO PRELEVATA DAL WEB –

D’amore e ombra” è un romanzo di Isabel Allende meno conosciuto del famosissimo “La casa degli spiriti”e, in effetti, almeno dal mio punto di vista, non raggiunge quelle vette. È comunque un grande romanzo nel quale le vicende private dei due giovani protagonisti si inseriscono molto bene nella scena politica del regime dittatoriale di Pinochet e nell’affresco del Cile di quegli anni.

Irene Beltram è una giovane giornalista fidanzata al generale Gustavo Morante. Insieme al fotografo Francisco Leal, viene incaricata di occuparsi della vicenda di Evangelina, una ragazza soggetta a crisi epilettiche che, da molti, vengono interpretate come poteri soprannaturali. Durante una di queste crisi, alla quale i due giovani assistono, Evangelina umilia un generale e, in seguito a questo evento, scompare nel nulla. La ricerca della verità sulla fine di Evangelina conduce Francisco e Irene a scoprire e portare alla luce una terrificante realtà seppellita negli anfratti di una miniera abbandonata. Soprattutto per Irene, che la madre ha sempre cercato di proteggere dal “mondo reale”, questo costituirà una presa di coscienza e un punto di svolta nella sua vita lavorativa e sentimentale.

Le vicende narrate, seppur intriganti e appassionanti, a volte costituiscono soprattutto uno spunto per raccontare “altro”, luoghi, periodi storici, fatti di cui si vuole conservare memoria o che si vogliono denunciare. Mi sembra proprio il caso di questo romanzo, in cui l’autrice esprime tutta la sua passione civile e il suo amore nostalgico per la sua terra, il Cile. La Allende ha una capacità descrittiva ed evocativa di eventi e atmosfere tale da riuscire a immergere perfettamente il lettore in quegli anni terribili. È un viaggio in un Paese ricordato con tenerezza e, al tempo stesso, con fierezza da chi è stato costretto ad abbandonarlo. E la denuncia della crudeltà e aberrazione di un regime politico particolare, raccontato da chi l’ha subito e vissuto, diventa denuncia della dittatura e di tutti i regimi totalitari in generale.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

©Copyright 2017 by Rita Massaro – All Rights Reserved

Precedente L'INGANNO, Recensione di Massimo Arciresi Successivo UNA FAMIGLIA, Recensione di Massimo Arciresi