FAI BEI SOGNI, Recensione di Massimo Arciresi

recensioneMassimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere.

FAI BEI SOGNI (Italia/Francia, 2016) di Marco Bellocchio con Valerio Mastandrea, Bérénice Bejo, Guido Caprino, Barbara Ronchi, Emmanuelle Devos, Roberto Herlitzka

Tratto – con programmatica e dichiarata infedeltà – dall’omonimo e dolorosamente privato best seller di Massimo Gramellini, il film, che Bellocchio, supportato dai co-sceneggiatori Valia Santella ed Edoardo Albinati, fa “suo” sottendendo un possibile asse con L’ora di religione, intreccia varie epoche. L’infanzia del protagonista (interpretato, in due fasi diverse, dai giovanissimi Nicolò Cabras e Dario Dal Pero), segnata dall’improvvisa scomparsa della madre (Ronchi) e dalla passione per il Torino (la famiglia abita proprio di fronte allo Stadio Olimpico); la sua carriera giornalistica (cronista sportivo, politico, inviato a Sarajevo, curatore della rubrica della posta); il 1999, quando l’uomo deve svuotare la casa e misurarsi infine con il passato. Massimo (è anche il nome del personaggio, che in età adulta ha il volto di Mastandrea), inappagato dai rapporti con il ruvido padre (Caprino) e dalle risposte della Chiesa (rappresentata dal dogmatico Roberto Di Francesco e dal più filosofico Roberto Herlitzka), non lega con nessuna donna, finché, colto letteralmente dal panico, incontra la dottoressa Elisa (Bejo), che lo aiuta a gettare le “zavorre”. Impreziosito da attori di rango (i cinque minuti di Fabrizio Gifuni sono i migliori) e da macabri auto-rimandi (la statuina cadente, l’apertura del gas…), il plot incespica solo sull’assenza di qualche rifinitura (la vicenda ospedaliera e soprattutto le inesattezze sulle età).

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente NON SI RUBA A CASA DEI LADRI, Recensione di Massimo Arciresi Successivo LE STREGHE DI LENZAVACCHE, Consigli di lettura