IL PARADISO PROBABILMENTE, Recensione di Massimo Arciresi

Massimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere. 

Il paradiso probabilmente (It Must Be Heaven, Palestina/Francia/Germania/Qatar/Canada/Turchia, 2019) di Elia Suleiman con Elia Suleiman, Kwasi Songui, Gael García Bernal, Nancy Grant, Vincent Maraval, Stephen McHattie

Autore, dal 1996, di altri tre lungometraggi (il da noi inedito in sala Cronaca di una sparizione, Intervento divino, Il tempo che ci rimane) e di un episodio del collettivo 7 Days in Havana (Diary of a Beginner, corrispondente al “giovedì”), il nazareno Suleiman è uno dei maggiori cineasti contemporanei. Accostato, per il mutismo del suo personaggio, a Buster Keaton e a Jacques Tati per le gags surreali (ma si potrebbero citare anche il ritmo lunare di Otar Iosseliani, l’apparente immobilismo di Aki Kaurismäki, il gusto per l’assurdo di Roy Andersson, lo spirito d’osservazione di Sólveig Anspach e perfino, occasionalmente, delle geometrie alla Wes Anderson), il regista prosegue un malinconico ma tenace percorso legato a doppio filo con un’identità da rivendicare con orgoglio (“Sono palestinese” sono le uniche parole che pronuncia), tuttavia percepita spesso in maniera distorta dalle figure (immaginarie o ispirate alla realtà?) con cui interagisce. Così, dopo un’ulteriore occhiata amaramente ironica alla sua terra (con tanto di rito religioso esacerbato), seguiamo il regista nel suo viaggio a Parigi e New York, in cerca di finanziamenti per un nuovo film (quello che stiamo già guardando?), tra leggiadre azioni di polizia, posti a sedere per turisti spietatamente occupati e un insistente uccellino per il quale non c’è spazio. Spiritoso cameo di García Bernal. Naturalmente il doppiaggio dei cambi di idioma se ne frega.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

 

 

Precedente SOGNO, Emanuela Schimicci Successivo UNA NOTTE CON TAHOSER, Rita Massaro