LA BATTAGLIA DEI SESSI, Recensione di Massimo Arciresi

Massimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere.

La battaglia dei sessi (Battle of the Sexes, USA/GB, 2017) di Valerie Faris, Jonathan Dayton con Emma Stone, Steve Carell, Andrea Riseborough, Sarah Silverman, Bill Pullman, Elisabeth Shue

Il titolo si riferisce all’etichetta affibbiata a un’amichevole (per modo di dire) eppure storica partita di tennis giocata nel 1973. Sul campo si affrontarono il cialtronesco Bobby Riggs, celebrato ex-giocatore ultracinquantenne ed esibizionista che asseriva – come tanti – che la spettacolarità dello sport fosse una faccenda esclusivamente maschile (e aveva già sfidato la quotata Margaret Court, qui interpretata da Jessica McNamee), e Billie Jean King, giovane campionessa femminista che si batteva per la parità di trattamento nei premi in denaro (il campionato delle donne rendeva quanto quello degli uomini) e che, sposata, stava per scoprire la propria omosessualità (argomento scottante a quel tempo). In ballo c’era il consolidamento della dignità delle allora particolarmente combattive signore, perciò divenne un evento mediatico dagli echi consistenti. Diretto dai Faris & Dayton (significativamente moglie e marito) di Little Miss Sunshine e Ruby Sparks, il film, che vanta un’accurata ambientazione (benché il soundtrack deluda), sembra confezionato apposta per l’imminente stagione dei premi, ma non è una colpa. Ben scritto (da Simon Beaufoy), ben recitato da Stone e Carell (entrambi in Crazy, Stupid, Love.) e dall’intero cast (in cui, oltre all’impresaria Silverman, al commentatore Pullman e alla stufa consorte Shue, rispunta l’“attivista dormiente” Alan Cumming), anticipa le prossime racchettate di Borg McEnroe.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente L'ALTRA METÀ DELLA STORIA, Recensione di Massimo Arciresi Successivo VITTORIA E ABDUL, Recensione di Massimo Arciresi