LA PARANZA DEI BAMBINI, Recensione di Massimo Arciresi

Massimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere. 

La paranza dei bambini (Italia, 2019) di Claudio Giovannesi con Francesco Di Napoli, Ar Tem, Ciro Pellecchia, Alfredo Turitto, Ciro Vecchione, Mattia Piano Del Balzo

Da un romanzo (vagamente e tristemente ispirato alla realtà) di Roberto Saviano nasce la sceneggiatura firmata dallo stesso con Maurizio Braucci e il regista Claudio Giovannesi (Alì ha gli occhi azzurri, Fiore), fresca di premiazione berlinese. In un periodo in cui imperversano, con continui e indesiderabili rischi di mitizzazione, serie come Gomorra e Suburra, quest’ascesa al potere di un gruppetto di scugnizzi del rione Sanità capeggiato (quasi “per caso”) da Nicola (l’inedito e bravissimo Francesco Di Napoli), che vive con l’acquiescente madre (Valentina Vannino alias L’intrusa) e fila con la coetanea Letizia (Viviana Aprea), capace d’ingraziarsi il clan più prepotente del momento (che ha per boss un tronfio Aniello Arena, dopo Reality interprete navigato) e, arricchitosi rapidamente (passando da teppismo – vedi l’incipit con il conteso albero di Natale in Galleria Umberto – e furtarelli  a spaccio ed “esattoria”), di cospirare con i reietti (rappresentati dai fratelli – nella finzione – Pasquale Marotta e Carmine Pizzo), nonché pronto ad ammutinarsi – con l’aiuto armato di un anziano capo agli arresti domiciliari (Renato Carpentieri, il nome più importante in cartellone) – quando l’occasione è propizia, non si crogiola in una possibile costruzione epica. Al contrario, mostra lucidamente l’abissale scollamento sociale in cui prolifera la criminalità (in tal caso quindicenne), stendendo un pietoso velo finale.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente PAMUKKALE, DOVE IL TEMPO NON ESISTE, Consigli di viaggio Successivo LONEWOLF, Maurizio Bono