LE VERITÀ, Recensione di Massimo Arciresi

Massimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere. 

Le verità (La vérité, Francia/Giappone, 2019) di Hirokazu Kore-eda con Catherine Deneuve, Juliette Binoche, Ethan Hawke, Clémentine Grenier, Ludivine Sagnier, Manon Clavel

Sovente (non sempre) il passaggio d’un prestigioso autore orientale su un set occidentale produce un cortocircuito stilistico e/o contenutistico disordinato, e si potrebbero citare esempi illustri come Chen Kaige o Hideo Nakata. Per questo la trasferta europea – con tanto di dive locali/internazionali e dialoghi pure in inglese (meglio reperire una proiezione in lingua originale) – del maestro Hirokazu Kore-eda, dedito a delicate tematiche familiari in drammi non privi d’ironia (da Father and Son a Un affare di famiglia) destava non poche preoccupazioni. È andata più che bene: l’autore, con un occhio alla nazione ospite, mantiene il proprio spirito nella vicenda riguardante una sottilmente frustrata sceneggiatrice (Binoche) che torna dagli USA in Francia con marito (Hawke) e curiosa figlioletta (Grenier, una promessa), che in pratica veicola la narrazione, in occasione della pubblicazione della probabilmente mendace autobiografia della madre (Deneuve), venerata attrice che sta per partecipare a un metaforico – anche per lei – film di fantascienza. Realtà e finzione si accapigliano fino a diventare indistinguibili, in maniera simile eppur diversissima da quel che avviene nel contemporaneo C’era una volta a… Hollywood. Bugie, recitazione, ridefinizioni, perfino incantesimi connotano un rapporto (an)affettivo conflittuale (e diffuso, malgrado il jet set circostante) in cui le figure maschili sono affabilmente marginalizzate.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente KEY WEST E LA CASA DI HEMINGWAY, Consigli di viaggio Successivo IL CANE BIANCO, Riflessioni