LETTERE DA BERLINO, Recensione di Massimo Arciresi

recensione-massimoMassimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere.

LETTERE DA BERLINO (Alone in Berlin, GB/Francia/Germania, 2016) di Vincent Pérez con Brendan Gleeson, Emma Thompson, Daniel Brühl, Mikael Persbrandt, Katharina Schüttler, Louis Hofmann

Giunto alla terza regia (dopo Pelle d’angelo e l’inedito Si j’étais toi), l’attore Vincent Pérez (Cyrano de Bergerac, Il viaggio di Capitan Fracassa, Il tulipano d’oro) affronta un romanzo di Hans Fallada ispirato a una storia vera, quella di due coniugi tedeschi che, perso il loro unico figlio al fronte, cominciarono a diffondere nella Berlino dei primi anni ’40 dei volantini contro il nazismo. L’autore delle frasi ingiuriose per il regime è il marito, Otto, capofficina metallurgico, mentre la sua consorte Anna (nella realtà si chiamava Elise, ma qui le si assegna, non a caso, un altro nome palindromo), stufa a sua volta delle iniquità sociali alle quali è costretta ad assistere, lo spalleggia e lo copre. L’assorto Brendan Gleeson e la trattenuta Emma Thompson danno corpo e dignità ai personaggi, mentre Daniel Brühl è lo zelante e metodico mastino messo alle loro costole dalle infastidite e arroganti SS (rappresentate dal terribile ufficiale incarnato dallo svedese Mikael Persbrandt). Un carattere, quello del professionale e cosciente detective amaramente asservito, che lascia trapelare tutta la mortificazione e l’impotenza dettate dalla sua ovvia vigliaccheria, nonché, più in generale, da uno stato la cui oppressione si misura con il numero delle cartoline non denunciate o con gli sguardi (preoccupati? indignati? rassegnati? incuranti?) di chi le raccoglie. Sotto una confezione “tranquilla”, insomma, pulsa un bel film.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente L'UOMO SENZA VOLTO, Consigli di lettura Successivo IL GIARDINO DEI FINZI-CONTINI, Consigli di lettura