TUTTI LO SANNO, Recensione di Massimo Arciresi

Massimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere.

Tutti lo sanno (Todos lo saben, Spagna/Francia/Italia, 2018) di Asghar Farhadi con Penélope Cruz, Javier Bardem, Ricardo Darín, Eduard Fernández, Bárbara Lennie, Inma Cuesta

Già sulla carta è un’operazione rischiosa, come spesso lo sono le coproduzioni dalle troppe anime culturali: un film interamente ambientato nella provincia spagnola – con la rappresentativa, solida, solita coppia di divi internazionali formata da Cruz e Bardem – e affidato al regista iraniano più in vista del momento, Farhadi, fattosi notare con About Elly e affermatosi grazie a Una separazione, Il passato, Il cliente. Infatuatosi del territorio, l’autore (anche dello script) vi ambienta un’altra delle sue vicende imperniate sul dirompente rapporto tra causa ed effetto, con una tendenza a romanzare le dinamiche familiari tale da suscitare in buona parte della critica facili accostamenti (forse non del tutto impropri) alle soap operas, soprattutto per la costruzione di qualche binario narrativo morto. Tuttavia nella vicenda della ritornante Laura, sposatasi a Buenos Aires con un uomo (non più) ricco (Darín, che non delude mai) e venuta a celebrare le nozze della sorella in compagnia dei suoi bambini, rimbattutasi in Paco, imprenditore agricolo pragmatico e ancora innamorato di lei malgrado sia a sua volta felicemente coniugato con Bea (Lennie), e nell’azzardato risvolto del rapimento della figlia più grande che reca chiaramente un diffuso scompiglio in tutta la sua prole (marito – costretto ad accorrere – compreso), sono riconoscibili (e tutto sommato apprezzabili) diversi elementi della poetica del cineasta. Basteranno?

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente CENA FRA AMICI, Rita Massaro Successivo CHESIL BEACH - IL SEGRETO DI UNA NOTTE, Recensione di Massimo Arciresi