UNFRIENDED – DARK WEB, Recensione di Massimo Arciresi

Massimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere.

Unfriended – Dark Web (id., USA/Russia, 2018) di Stephen Susco con Colin Woodell, Stephanie Nogueras, Rebecca Rittenhouse, Betty Gabriel, Connor Del Rio, Andrew Lees

Il regista Timur Bekmambetov, affermatosi in Russia con l’interessante dittico fantasy de I guardiani… e sbarcato in pompa magna a Hollywood (Wanted – Scegli il tuo destino, La leggenda del cacciatore di vampiri, il remake di Ben-Hur), da produttore sta imponendo un nuovo genere (o quasi: qualcuno ricorda il belga Thomas in Love?), imperniato non tanto sulla soggettiva (Hardcore!), quanto sulla visione attraverso lo schermo d’un laptop, già denominato computer screen film. Il ricordo del teso Searching è fresco, ma è stato il primo (avulso) capitolo di Unfriended (2014) ad aprir le danze. Se là irrompeva l’elemento soprannaturale, stavolta, durante la serena videochat d’un gruppo d’amici funestata dall’intrusione d’una setta di sadici assassini (problema causato dal fatto che Matias, alias Colin Woodell, s’è incautamente appropriato d’un pc rimasto a lungo incustodito), l’atmosfera horror assume una più sinistra concretezza. Certo, dei dettagli del plot son poco credibili (soprattutto l’efficienza millimetrica dei persecutori), però i motivi per restare incollati alla poltrona non mancano. C’è poi l’ammirazione/condanna nei confronti dei prodigi telematici, che offrono infinite possibilità e comportano altrettanti risvolti oscuri (sul tema esistono Disconnect, Infernet, Youtopia). Una post-produzione probabilmente rapida presuppone una preparazione minuziosa, e pure qui l’opera d’adattamento (orale e scritto) è grandiosa.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

 

Precedente VOX POPULI, Sabino Russo Successivo IL RESPIRO DI VARSAVIA, Consigli di viaggio