ARRIVEDERCI PROFESSORE, Recensione di Massimo Arciresi

Massimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere. 

Arrivederci professore (The Professor, USA, 2018) di Wayne Roberts con Johnny Depp, Rosemarie DeWitt, Danny Huston, Zoey Deutch, Ron Livingston, Odessa Young

Il regista e sceneggiatore Wayne Roberts ha all’attivo un solo titolo da noi inedito, Katie Says Goodbye (2016). A tambur battente ha realizzato questa dramedy dal cast altisonante, che però accusa vari squilibri e l’indecisione sulla direzione da prendere (in ciò il finale calza a pennello). Richard (Depp, sfumato eppur debordante), docente di letteratura in un college, scopre che non gli resta molto da vivere. Superato lo shock, sfrutta il tempo a disposizione all’insegna della più assoluta franchezza, impartendo scomposte lezioni – per pochi eletti – senza curarsi dei protocolli, affontando a muso duro la moglie Veronica (DeWitt), artista pretenziosa, e il di lei amante Henry (Ron Livingston), fatuo rettore, cercando di avvicinarsi alla sfuggente figlia Olivia (Young), alla quale sostituisce parzialmente la sensibile allieva Claire (Deutch), accostandosi a vizi “lenitivi” (erba e alcool, soprattutto). Alla vivida suddivisione in capitoli, che scandisce le tappe di un deperimento inevitabile, non corrisponde una corretta progessione drammatica, con digressioni che vanno  dall’avvicinamento a un altro discepolo, Danny (Devon Terrell), all’incerta funzione del cane di casa: A quel punto ci si è già accorti della somiglianza con tanti altri film a sfondo scolastico o incentrati su mali incurabili, e del fatto che la partecipe prova di Huston (l’addolorato collega Peter) è sprecata. Il pubblico, comunque, sta apprezzando.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente CARVER DOCET, Sabino Russo Successivo A CITTA' DEL MESSICO CON FRIDA KAHLO, Consigli di viaggio