STIDDUZZA MIA, Sabino Russo

– FOTO PRELEVATA DAL WEB –

“Stidduzza mia” di Sabino Russo fa parte di una raccolta, nella quale sono stati pubblicati i racconti vincitori del concorso letterario “Lettere senza amore”, organizzato dall’associazione culturale Gli amici di Oblomov. I racconti avevano il vincolo di non dover contenere le parole più stucchevoli del linguaggio epistolare amoroso. E questo, in lingua siciliana, non le contiene di sicuro. Buona lettura!

Stidduzza mia,

ma che facisti? Ma che cumminasti?
Mi scrivisti che mi vò lassari pì sempre! M’intisi mancare a ‘stu pinzieru.
Com’è che ti vinni ‘n tiesta ‘sta pinzata? Ma chi t’aiu fattu?

Quann’è che ‘u liggivi, mi si grapiù un pirtusu ‘mmezzu de lu pettu.
Mi misi a chianciri lacrime amare. Ma no comu chidde che tante volte ‘nzemmula amu chianciuto, di gioia e di duluri, ne lu mentre ci tinìamu abbrazzati.
E quantu ‘nnamu viste ‘na tutti ’sti anni! Ma sempre io cu ttia e tu cu mmia, stritti stritti, vucca cu’ vucca, ciatu cu’ ciatu, manuzza e manuzza; a dirici parole che ci paria solu i picciuttedi che s’ingrizzano pà prima vota si ponnu dire.
Quante stidde amu cuntatu ‘a notte appizzate na lu cielu! E io ‘na stidda ‘a chiamavu cu to’ nnome, e tu na’ stidda ‘a chiamavi cu’ nome miu.
E quantu friscu nnamu pigghiatu e quanti dulura!
Tu mu’ dicia sempre: “Totuccio, unnè cosa. Un semu chiù picciotti. A sira si iecca l’umido e un putiemo stari accussì, assittati ‘nne panchine o ‘ncapu a’ rina vagnata. U’ sacciu pure io, Munnieddu è propriu bedda e ‘ste siratine so’ megghiu assai da’ televisione; ma dumàni matina un ti po’ susiri e ‘un ti pò mettiri a’ gritta; agghiorni tuttu aggranchiatu e io t’è sientire lamintariti pì iurnate sane!”
Saruzza mia, tu raggiune avia: oramai sugnu fattu viecchio e n’autra anticchia un’ mi pozzu cchiù catamiari; ma unn’è giustu però ca nall’ultimi tempi tu mi sfuttia sempri, e mi dicia ch’era addiventatu tuttu siccu, sciancatu, immurutu e sganguliatu.
E quanno u’ pomeriggio ni faceamu a passiatina ‘nno corso principale, un c’era n’ vota che un mi rinfacciavi: “Arrieri ‘e picciuttedde in minigonna talii? A ttia stannu pensannu! Aqquietati; tu a chidde un’ ci pò’ curriri d’appressu mancu cu’ l’occhi!”
“E che male c’è a taliari? – t’arrispunnia – Almeno m’ arifazzu ‘a vista.”
Ma tu ca parri, ti viristi ‘o specchio accomu t’arriducisti? Si’ tutta panza, minne caruti e culu grosso quant’a ‘na casa!”
Certo ca ‘u tempu passa e oramai unn’è ‘cchiù come ‘na vota. ‘A casa addiventò vacanti e no’ avutri, pi passarici i iurnati, n’appimo a ‘nvintarici ‘na qualche cosa.
Io, nna vecchiaia, m’insignai u’ computer, accussì mi putia sentiri arrieri giovane, e tu ti mittisti a sferruzzari magghiuni ca’ un si mette nuddu, cucinari piattuni chini chini ‘i grasso e uogghio fituso che m’inchiummavano e m’intussicavano bbuono, bbuono e t’insignasti a fare ddi cannoli giganti e ddi bedde cassate, che u’ sacciu solu io quanto mi ficiro acchianare u’ zzucchero e stì cabbasisi i’ trigliceridi!
Finiu pure che da li vasati di ‘na vota, arrivammo ‘e sciarre d’ogni gghiuono. E tante furono i vasate, tante addiventarono i sciarre. Sino a quanno ‘na matina (un mu puozzu scurdare), ti susisti e mi dicisti: “Io, mi ni torno ‘nni me’ matri!”
“Ma unni…e’ Rotoli? To’ matri avi vint’anni ca’ muriu!”
Ma u dicisti e u facisti. Mi lassasti cà, solo com’un fissa, e t’innisti ‘nna casa vacanti di quann’eri picciuttedda schietta.
Sparte ora, (unn’u sacciu com’è ca’ ti vinne ‘sta bedda pinzata), mi turnasti pure tutti i gioielli d’oro e d’argento ca’ ti fici quann’ eramo ziti e pure maritati, e mi scrivisti che t’è mannare subito n’arrieri tutti i riali ca mi facisti e pure tutt ‘i fotografie, unne ci si tu o unne ca’ semo ‘nzemmula.
A parte u’ fattu ca’ tu un’ m’arrialasti mai niiiiente…, i fotografie i misi tutte pare pare nno’ computer e stanno pure su Facebook e Youtube; accussì cu’ unnu vole sapire unn’u sape tuttu chiddo c’amu fattu ’nzemmula.
E però, pinzannuci bbuono, unn’ama gghire io e tia, oramai !? Un facemu futtiri i ridere a sparticici a ottant’anni?
Un fussi megghiu che t’arricampi arrieri cà’ ? A passare na’ poch’i cannavazzu ‘nta ‘sta casa che sta fitiennu, china china i’ provulazzu; e macari mi cucini n’a poco ‘i capunata bedda chiummusa e china d’ogghiu, come a sa’ fari tu, un piattu i’ sparaceddi, na para ‘i chila di pasta chi sarde e pure i vruocculi arriminati, na’ poco i gaddozzi di sazizza e, chi sacciu… quattro belli sarde a beccaficu. Accussì, macari macari, mi nni pozzu ire all’autru munnu saziu e ca’ panza bedda china!

Totuccio tuo,
che ti vole sempre bbene.

Sabino Russo

Racconto tratto da:

“Lettere senza amore”

18:30edizioni

 

Precedente TOGLIMI UN DUBBIO, Recensione di Massimo Arciresi Successivo PAPILLON, Recensione di Massimo Arciresi