IL SEGRETO DI UNA FAMIGLIA, Recensione di Massimo Arciresi

Massimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere. 

Il segreto di una famiglia (La Quietud, Argentina, 2018) di Pablo Trapero con Martina Gusmán, Bérénice Bejo, Graciela Borges, Édgar Ramírez, Joaquín Furriel, Isidoro Tolcachir

Dopo l’inquietante Il clan (2015), ecco un’altra aberrante decostruzione dell’istituzione familiare a opera di Trapero. Ed è difficile non collegare la solo apparente rispettabilità d’una comunità simbolicamente ristretta (come le oligarchie) con il lancinante ricordo dei soprusi perpetrati in Argentina durante la dittatura (1976-83). Eugenia (Bejo, un ritorno alle origini sudamericane) vola da Parigi (dove un tempo – e per ben due volte – viveva con i suoi) a Buenos Aires per recarsi alla tenuta La Quietud. Una “tranquillità” sbandierata dal titolo originale che non è che una facciata (da lasciarsi alle spalle) dietro la quale si cela il passato non irreprensibile dell’anziano Augusto (Tolcachir), colpito da ictus. Benché sia questo il motivo del viaggio intrapreso dalla figlia, né lei né la sorella Mía (Gusmán), che pure al genitore è affezionata, e tantomeno la moglie Esmeralda (Borges), sembrano particolarmente preoccupate per la situazione, finché non emerge la natura delle loro numerose proprietà. L’intercambiabilità quasi incestuosa delle giovani donne – non per nulla nate l’una in Europa, l’altra in America Latina, disugualmente amate e provate da promiscue storie di letto con Vincent (Ramírez), compagno ufficiale della maggiore, ed Esteban (Furriel), rampante erede dell’ex-principale del papà – e l’indiretto bisogno di una progenie “sana” sono i temi vincenti d’un film che non disdegna l’erotismo per sancirli.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente CAINO E ABELE, Stefania Agnello