IL REGNO, Recensione di Massimo Arciresi

Massimo Arciresi è critico e giornalista cinematografico, conduttore su Radio Spazio Noi – In Blu, dal 1997, della rubrica settimanale “Uscita di Sicurezza”. Ha collaborato con i quotidiani “Il Mediterraneo” e “L’Ora”, ha diretto il quindicinale sul tempo libero “TrovaPalermo” e attualmente scrive per il mensile “L’Inchiesta”. Appassionato di fumetti e lingue straniere.

Il regno (El reino, Spagna/Francia, 2018) di Rodrigo Sorogoyen con Antonio de la Torre, Mónica López, Bárbara Lennie, Jose María Pou, Nacho Fresneda, Ana Wagener

Dopo l’ottimo Che Dio ci perdoni, Rodrigo Sorogoyen e il camaleontico, formidabile Alberto de la Torre tornano a collaborare per un thriller politico (sceneggiato magnificamente dallo stesso regista con la fedele Isabel Peña) che, sebbene eviti riferimenti a partiti, eventi o specifici malaffari, picchia duro sul deterioramento del sistema. Al centro della vicenda c’è lo zelante e corrotto Manuel López Vidal, pronto a coprire le magagne d’un collega ma affatto disposto a fungere da capro espiatorio quando l’insabbiamento gli si ritorce contro. Da esperto squalo che sa come difendere la sua privilegiata posizione e ribadire il suo effettivo potere, l’uomo semina prove, stipula nuove alleanze (perfino con Alvarado/Francisco Reyes, “volto pulito” della sua congrega), si procura (anche rischiando la vita) ulteriori pezze d’appoggio (il piano-sequenza in cui penetra nottetempo in casa dell’assente Bermejo/Andrés Lima durante un party clandestino è fra i più belli e coinvolgenti del decennio, tuttavia l’intercettazione dell’improvvisamente annichilito finanziatore disonesto Cabrera/Luis Zahera non è da meno), flirta con una stampa – rappresentata dalla professionale Amaia Marín/Bárbara Lennie – che deve fare i conti con i propri compromessi (pure commerciali). Questioni morali (per chi parteggiare, nel degrado?) sollevate con arguzia dal copione (non fatevi scoraggiare dal verboso avvio), sulle quali discutere animatamente.

Per consigli su letture e viaggi potete trovare Il giro del mondo con un libro in mano anche su www.facebook.com/ilgirodelmondoconunlibroinmano

Precedente PUNTO DI RUGIADA, Monica Spatola Successivo CAMBIO DI GUARDIA AL CIVICO 36, Monica Spatola